Le giuggiole sono mature: wie sagt man auf deutsch?

novembre 13th, 2014

 

Brodo di giuggiole!

il brodo di giuggiole

1 kg di giuggiole
 500 g di zucchero
1 kg di uva bianca molto dolce
2 mele cotogne, 2
bicchieri di vino rosso cabernet
scorza grattugiata di mezzo limone
scorza grattugiata di mezza
arancia
acqua q.b.

Preparazione:

È uno sciroppo leggermente alcolico con un buon sapore di frutta.

Per prepararlo, lasciate appassire le giuggiole per un paio di giorni. Non sbucciatele, denocciolatele e mettetele in una pentola ricoprendole di acqua. Aggiungete l’uva lavata e privata di buccia e semi, lo zucchero e fate cuocere a fuoco dolce per circa un’ora. Trascorso questo tempo aggiungete le mele cotogne sbucciate, tagliate a pezzetti e il vino cabernet. Alzate la fiamma per fare evaporare il vino. Riabbassate la fiamma e fate cuocere fino ad ottenere un composto simile allo sciroppo. Aggiungete le scorze degli agrumi. Fate raffreddare il tutto, filtratelo con un colino e sigillatelo in bottiglie sterili. Lasciate il brodo di giuggiole in un luogo fresco e buio almeno un mese prima di utilizzarlo.

Può essere servito freddo a fine pasto per accompagnare una buona fetta di torta.

il territorio si racconta – raccontiamo il territorio: guide turistiche al lavoro

ottobre 3rd, 2014

IMG_5223IMG_4394aIMG_5242

….quando la domenica alle 6,30 squilla il telefono….

giugno 8th, 2014

1780704_10202318954847089_1135770110_nBeing a veterinarian, I had been called to examine a ten-year-old Irish Wolfhound named Belker.  The dog’s owners, Ron, his wife Lisa, and their little boy Shane, were all very attached to Belker, and they were hoping for a miracle.

I examined Belker and found he was dying of cancer.

I told the family we couldn’t do anything for Belker, and offered to perform the euthanasia procedure for the old dog in their home.

As we made arrangements, Ron and Lisa told me they thought it would be good for six-year-old Shane to observe the procedure as they felt that Shane might learn something from the experience.

The next day, I felt the familiar catch in my throat as Belker’s family surrounded him.

Shane seemed so calm, petting the old dog for the last time, that I wondered if he understood what was going on.   Within a few minutes, Belker slipped peacefully away.

The little boy seemed to accept Belker’s transition without any difficulty or confusion.

We sat together for a while after Belker’s Death, wondering aloud about the sad fact that animal lives are shorter than human lives.  Shane, who had been listening quietly, piped up, “I know why.”

Startled, we all turned to him.

What came out of his mouth next stunned me.  I’d never heard a more comforting explanation.  It has changed the way I try and live.

He said, “People are born so that they can learn how to live a good life — like loving everybody all the time and being nice, right?”

The six-year-old continued, “Well, dogs already know how to do that, so they don’t have to stay as long.”

Remember, if a dog was the teacher you would learn things like:

  • When loved ones come home, always run to greet them;
  • Never pass up the opportunity to go for a joyride;
  • Allow the experience of fresh air and the wind in your face to be pure Ecstasy;
  • Take naps;
  • Stretch before rising;
  • Run, romp, and play daily;
  • Thrive on attention and let people touch you;
  • Avoid biting when a simple growl will do;
  • On warm days, stop to lie on your back on the grass;
  • On hot days, drink lots of water and lie under a shady tree;
  • When you’re happy, dance around and wag your entire body;
  • Delight in the simple joy of a long walk;
  • Be loyal;
  • Never pretend to be something you’re not;
  • If what you want lies buried, dig until you find it;
  • When someone is having a bad day, be silent, sit close by, and nuzzle them gently.

There comes a time in life, when you walk away from all the drama and people who create it.

You surround yourself with people who make you laugh, forget the bad, and focus on the good, so, love the people who treat you right.

Think good thoughts for the ones who don’t ~ life is too short to be anything but happy.

Falling down is part of LIFE…

Getting back up is LIVING…

DON’T COMPLAIN ABOUT GROWING OLD…

FEW PEOPLE GET THE PRIVILEGE

8 marzo – International Women’s Day – the first woman in the world to graduate was italian

marzo 8th, 2014

Today is the International Women’s Day and one way we want to celebrate is by telling the story of the first woman in the world to graduate: the Italian Elena Lucrezia Corner Piscopia, who received her degree in Philosophy from the University of Padua on June 25, 1678. Born in Venice in 1646, Elena was the daughter of Giovan Battista, “procuratore di San Marco,” the second most important authority in the Republic of Venice after the Doge, and of a working-class woman from the Brescia area, possibly a prostitute, something that had caused great scandal. For this reason, the couple’s children could not be made part of the “patriziato”, the aristocracy, but Giovanni was a very rich man and was therefore able to buy it for his sons, while he decided he would make his brilliant daughter the first woman to ever graduate; a sly politician, Giovan Battista knew the record would make the Corner name famous and give prestige to the family. Since she was a child, Elena had shown a great cleverness and learning ability, as well as serious dedication to her studies. She wasn’t really interested in academic recognition, she simply loved to learn, but she complied with her father’s will as good daughters were supposed to do at the time. At 22, she mastered Greek, Latin, French, Spanish, English, math and philosophy. She was passionate about theosophy too and studied Hebrew with the help of the Venice rabbi Shemuel Aboaf. She had become a Benedictine oblate, meaning that she lived according to Benedictine votes, although she continued to live with her family. In her life made of intense study and prayer sessions, there was little time for entertainment or rest and her health soon began to deteriorate. Slowly her fame began to grow inside and outside the Venice Republic, and scholars from all over Europe traveled to Venice to meet with her. Elena eventually enrolled at the University of Padua – one of the most prominent universities in modern Europe – for a degree in Theology. Her university application was accepted by the administrators without any difficulties due to her fame at that point and to the fact that she had studied with esteemed professors of that university. However, she met with the opposition of Gregorio Barbarigo, bishop and cardinal of Padua, as well as chancellor of the university; without his permission, Elena could not graduate. Barbarigo was trying to impose the Catholic Church doctrine according to which women, being inferior to men, were not able to perform complex reasoning such as those relating to faith; furthermore, according to San Paolo (Paul the Apostle), women were not allowed to teach: “I do not allow a woman to teach, nor to use any authority on her husband, but only to remain silent,” he wrote in the First Epistle to Timothy. A dispute ensued between the Corner family, the university and Barbarigo; a compromise was reached when it was agreed that Elena would be awarded a degree in philosophy rather than theology. According to sources of the time, on the day of Elena’s graduation – she was 32 – as many as 30,000 people showed up to attend her dissertation.   Elena thus became the pride of her family, of the university of Padua, and of the Republic of Venice. She was invited to public discussions and was made member of several academies; she even discussed political subjects. She however never taught as it was not acceptable for an aristocrat to work and she was not interested anyway since she had graduated just to obey her father. Her health in the meantime was getting worse and, at the age of 38, she died. Her father asked that a sepulchral monument be erected in her memory: a cenotaph was built in the convent of Santa Giustina where she was buried. But the cenotaph was demolished 38 years later; her statue however, was recuperated by a Venetian noblewoman, Caterina Dolfin Tron, who gave it to the University of Padua, where it still is today, inside the Palazzo del Bo’. Despite her fame while alive, Elena, sadly, was soon forgotten after her death. Her historical significance was only acknowledged in 1969, when the University of Padua decided to officially certify her as being the first woman in the world to graduate. So it is with pride we remember her today. Finally, while we are at it, let’s remember the second, third and fourth woman to graduate as well, all of them Italian: Laura Bassi Veratti from Bologna, who graduated in 1732 in Natural History and Medicine at the University of Bologna and who would become the first woman university professor; Cristina Roccati, who graduated in 1751 in Philosophy and Physics at the University of Bologna; Maria Pellegrina Amoretti, who graduated in 1777 in Law at the University of Pavia. Way to go! –

Rimini 23 febbraio 2014

febbraio 23rd, 2014

In occasione della XXV Giornata della Guida Turistica un itinerario letterario “in duetto” con Loredana Pacini.

Calendario delle nostre visite guidate gratuite: partecipate!

febbraio 6th, 2014

XXV GIORNATA INT.DELLA GUIDA TURISTICA visite guidate gratuite 15-23 febbraio 2014

febbraio 6th, 2014

augurigreetingsweihnachtswünsche dalle Marche 2013

dicembre 23rd, 2013

arrivando nelle Marche…la Mole Vanvitelliana di Ancona

ottobre 27th, 2013

CONOSCIAMO I PROGETTI DEL DISTRETTO CULTURALE EVOLUTO DELLE MARCHE

ottobre 27th, 2013

Conosciamo i progetti del Distretto Culturale Evoluto delle Marche!

1 Progetto Adriatic Innovative Factory
Capofila: Camera di Commercio di Ancona
Totale partner 12
2 Progetto PLAYMARCHE:un distretto regionale dei beni culturali 2.0
Capofila: Università di Macerata
Totale Partner 51
3 Progetto BARCO – Officina creativa
Capofila: Comunità Montana Alto e Medio Metauro
Totale partner 18
4 Progetto: I Cammini lauretani
Capofila: Comune di Loreto
Totale partner 19
5 Progetto: Distretto Culturale della Provincia di Fermo
Capofila: Provincia di Fermo
Totale Partner 23
6 Progetto CreATTIVITA’
Capofila: Provincia di Pesaro
Totale partner 67
7 Progetto Amami(Azioni-molteplicità-arte-manifattura-innovazione)
Capofila: Università di Camerino
Totale Partner 28
8 Progetto Distretto Culturale Evoluto del Piceno
Capofila: Consorzio Universitario Piceno
Totale Partner 14
9 Progetto Valle della creatività
Capofila: Comune di Fabriano
Totale partner 16
10 Progetto Pesaro, distretto di eventi e festival
Capofila: Comune di Pesaro
Totale partner

1) Il primo progetto – denominato “Progetto Adriatic Innovative Factory” – avrà come sede la suggestiva Mole Vanvitelliana di Ancona e sarà incentrato sull’ attività formativa e di animazione economica in dimensione internazionale, sui temi della valorizzazione, innovazione, gestionale e tecnologica, commercializzazione, marketing del patrimonio culturale, ambientale, turistico-culturale dei territori della Macroregione adriatico-ionica.
Inoltre prevede la creazione di un’Agenzia per lo sviluppo di progetti innovativi e di rete nei comparti culturale e creativo della macroregione, un network transnazionale di istituzioni e imprese operanti nel settore delle attività e dei beni culturali per la messa a punto di progetti innovativi, finalizzati ad una forte integrazione tra le diverse tipologie dei beni culturali (opere d’arte, libri, documentazioni immateriali, edifici monumentali, ecc.), anche a valere sugli strumenti finanziari disponibili per la cooperazione trans-frontaliera nelle politiche UE.

2) Il secondo progetto del Distretto Culturale Evoluto delle Marche -PLAYMARCHE – intende sviluppare il settore delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione – Ict – applicate alla divulgazione e valorizzazione di beni e valori culturali, materiali e immateriali, del nostro territorio, attraverso una filiera specializzata del gioco e dell’edutainement culturale, assumendo, come primo ambito “sperimentale” di applicazione, due luoghi distintivi del territorio: Sferisterio e Casa Leopardi. Si prevede di realizzare anche singoli interventi diffusi sul territorio, come all’Abbadia di Fiastra.
Il grande numero di partner coinvolti garantirà la sostenibilità economica per almeno cinque anni. Il progetto è stato organizzato in modo da creare una filiera produttiva che ne assicuri il proseguimento successivo e, contemporaneamente, il sostegno economico nel mercato delle nuove tecnologie applicate ai beni culturali.

3)Il terzo progetto – “BARCO – Officina creativa” – si individua nella specifica struttura del Barco Ducale, monumento storico di Urbania (PU), il quale sarà sede delle attività previste e icona del progetto stesso. L’intervento sulla struttura sarà duplice: renderla funzionale al progetto e renderla parte viva dello stesso. Obiettivo principe di BARCO è l’occupazione e la creazione di start-up di imprese. Per questo si prospettano tre principali azioni: attrazione dei giovani talenti, opportunità di start-up, capitale e start-up di imprese innovative.
Motore di tutto sarà la contaminazione e interazione fra giovani, eccellenze del territorio ed imprese, così che questo dialogo porti a un miglioramento, specie per le pmi, in settori spesso carenti: comunicazione, web marketing, informatizzazione, etc… BARCO offrirà anche spazio al co-working, a continui aggiornamenti periodici (eventi, incontri, convegni) e sarà suo tratto distintivo il respiro internazionale.

4) Il culto della Santa Casa di Maria a Loreto (AN) è uno dei principali temi della devozione mariana e meta di pellegrinaggio da ogni parte del mondo. La Rete dei Cammini Lauretani – in primis la Via Lauretana – è forte elemento d’identità e preziosa risorsa “culturale” in una prospettiva di sviluppo sostenibile.
Il progetto del Distretto Culturale Evoluto delle Marche si propone di sviluppare il sistema dei Cammini Lauretani, cluster marchigiano della meditazione e della spiritualità. Prevede la strutturazione di un sistema di accoglienza e fruizione in stretta correlazione con l’ attivazione di forme di mobilità dolce e dedicata per la fruizione dei beni culturali e del paesaggio. Favorisce inoltre l’artigianato, il turismo, e sostiene le imprenditorialità giovanili innovative (reti, incentivi, laboratori, tecnologie, borse studio).

5) Il quinto progetto -denominato “Distretto Culturale Evoluto della Provincia di Fermo” – è promosso dalla Provincia di Fermo, in collaborazione con il Comune di Fermo, e un vasto partenariato pubblico e privato. Il progetto intende connettere il patrimonio culturale con la capacità manifatturiera come la sintesi di espressioni di eccellenza che qualificano il miglior Made in Italy nel mondo.
Individua tre filiere, culturale – turistica, tecnologica e manifatturiera – creativa, localizzando nel nuovo Terminal di Fermo l’hub/punto di accesso principale del territorio a cui collegare altre postazioni fisiche e concept store connessi sia ai 23 musei del sistema museale fermano che al sistema imprenditoriale dell’area calzaturiera.

6) Il sesto progetto del Distretto Culturale Evoluto delle Marche – intitolato CreATTIVITA’ – prevede lo sviluppo di una piattaforma digitale che rinnovi la fruizione culturale al servizio sia delle imprese che del turismo, con una attività di scouting e start up di imprese specializzate nella produzione di contenuti e prodotti a tecnologia avanzata.
L’intervento promuove e abilita la costituzione di un gruppo di lavoro intersettoriale composto da operatori con esperienza in diversi settori (culturale, turistico, marketing territoriale, comunicazione, tecnologia, produttivo e manifatturiero) e le istituzioni scientifiche e di ricerca e trasferimento tecnologico (Università di Urbino, TecnoMarche – Parco Scientifico e Tecnologico delle Marche, Cosmob) al fine di definire e realizzare prodotti e servizi innovativi, per la valorizzazione delle specificità del territorio e delle diverse filiere correlati ai nuovi modelli di governance.

7) Il Progetto Amami(Azioni-molteplicità-arte-manifattura-innovazione) rappresenta uno schema di riferimento per lo sviluppo ed il consolidamento dei rapporti tra il tessuto socio-economico diffuso nel territorio rappresentato dai partners aderenti ed il mondo della ricerca e delle istituzioni, nell’ambito della strategia regionale per la sperimentazione del Distretto Culturale Evoluto delle Marche.
In questo quadro, il Progetto AMAMI si distingue per la sua Strategia di sviluppo territoriale, costituita dalla opportunità di sperimentare la contaminazione di esperienze innovative superando l’idea di una “progettazione locale” in favore di una “co-progettazione multilocalizzata”, non quindi concentrata in unità di luogo e di temi ma diffusa,per l’attuazione di interventi pilota nel settore dei servizi e della formazione avanzata della cultural economy, che mirino alla sperimentazione al fine di sviluppare il potenziale relazionale ed industriale necessario alla costituzione di un Distretto Culturale .

8 ) Il progetto Distretto Culturale Evoluto del Piceno è finalizzato alla valorizzazione dei patrimoni culturali del bello (patrimonio storico-artistico-architettonico), del buono (patrimonio enogastronomico e agroalimentare) e del ben fatto (patrimonio artigianale e manifatturiero) presenti in territorio piceno rigenerandoli ed innovandoli attraverso azioni guidate dal design al fine di ottenere nel tempo tre principali risultati concreti: sviluppare nuovi prodotti e servizi, aumentare l’attrattività e la competitività del territorio, contribuire allo sviluppo di start up e spin off di imprese creative e culturali.
In relazione ai tre ambiti di intervento, Bello-Buono-Ben fatto, si prevede l’aggregazione e la costituzione di partnership tra soggetti pubblici e privati, di settori differenti produttivi (agroalimentare, artigianale, manifatturiero tradizionale, ICT, turistico-culturale, terziario innovativo, ecc.) che intendono collaborare alla realizzazione del progetto e sviluppare insieme le azioni condivise per il raggiungimento dei risultati attesi.

9) Il nono progetto –denominato Valle della creatività – prevede la realizzazione di un centro di documentazione del catalogo d’arte su carta e dei servizi connessi presso il museo della carta e della filigrana di Fabriano. Il Comune di Fabriano è anche capofila di interventi innovativi nella piccola impresa artigiana della Vallesina, ispirati al tema della invenzione artigianale e dal collegamento di un insieme di micro offerte per rendere la valle della creatività un luogo attrattivo per creativi e professionisti.

Le azioni sono volte dunque a costruire reti territoriali ampie e stabili, e ad attrarre investimenti e favorire l’interazione tra arte, creatività, paesaggio e qualità produttiva, esplorare le opportunità che si possono generare collegando fra loro un insieme di “microfferte” che altrimenti non avrebbero possibilità di raggiungere la domanda. Tra le azioni concrete individuate, ricordiamo quelle volte a rendere i musei luoghi di irradiazione di saperi, di conoscenze, di esperienze, a valorizzare i paesaggi artificiali agricoli ed urbanizzati quali luoghi della qualità, dell’ambiente e della vita, a sviluppare la contaminazione tra arte, e linguaggi espressivi del contemporaneo, ed attività produttive.

10) L’obiettivo del decimo progetto del Distretto Culturale Evoluto delle Marche è quello di lanciare Pesaro e il suo comprensorio – con i Comuni di Gabicce Mare e Gradara e l’Ente Parco Naturale del Monte San Bartolo -, come territorio connotato da un contesto di accoglienza di grande qualità, usando come input di partenza gli eventi culturali. Si parte dunque dalla specificità culturale di Pesaro e dell’area circostante, che consiste nell’esistenza ormai consolidata di eventi/festival diversi (il “Rossini Opera Festival” su tutti).
Eventi e festival sono strutturali al territorio di Pesaro e sono parte integrante della sua identità; essi rappresentano per antonomasia il modo democratico di accesso alla cultura e alla conoscenza, un’opportunità che si rivolge ad un pubblico ampio. Gli eventi culturali vengono considerati come attivatori/acceleratori di attività di sviluppo territoriale a vantaggio del fruitore di cultura e di chi la promuove. Il progetto intende migliorare l’esperienza dei visitatori e fidelizzarli al territorio e dare forma ad una rete di fornitori/aziende locali appartenenti a diversi settori produttivi, accomunati dalla capacità/volontà di specializzarsi in ambito culturale.

Info su Distretto Culturale Evoluto delle Marche:
http://www.cultura.marche.it/CMDirector.aspx?id=11702